Home Bar Condicio Caso Gorden Pharma, la posizione dell’Ucid

Caso Gorden Pharma, la posizione dell’Ucid

“Il caso Gorden Pharma, dove rischiano il licenziamento 192 lavoratori, è indicatore del conto che la globalizzazione economica, realizzata in assenza di regole e senza la guida di principi morali, sta presentando all’Italia e all’Europa. Decennio dopo decennio abbiamo assistito nel Lazio ed in particolare nella provincia di Latina ad un progressivo impoverimento del tessuto industriale. Il fenomeno è globale e riguarda la deindustrializzazione dell’ovest del mondo attraverso la delocalizzazione degli impianti nell’est Europa e in Asia, e allo stesso tempo l’erosione dei salari e la perdita di occupazione anche a causa dell’eccessivo carico fiscale sulle imprese.
Come imprenditori e dirigenti cristiani ci ispiriamo al monito del Santo Padre che ha rafforzato la denuncia del paradigma tecnocratico volto al mero profitto e il richiamo ad una nuova economia che metta al centro la persona umana, la sua dignità e la responsabilità degli imprenditori quali primi custodi e garanti del bene comune e della tutela del creato. Ogni tentativo di impedire i licenziamenti va esperito, ma la vicenda deve richiamare l’attenzione sulla necessità di un nuovo piano industriale 4.0 a livello nazionale ed europeo che includa fra le priorità della nostra agenda economica, coniugando competitività e diritti dei lavoratori, la riduzione del cuneo fiscale, un modello circolare di welfare territoriale e il contrasto, a livello continentale, delle storture della globalizzazione come quella del dumping sociale”.
È questa la posizione dell’UCID di Latina e del Lazio

Tutti i colori della narrativa